un gattino alla ricerca di un sito internet
Il tuo sito internet è marchiato come NON SICURO per via di Google o per colpa tua?

L’ultima versione di Chrome segnala i siti “Non Sicuri” che usano ancora il protocollo http. Il tuo sito internet è già pronto?

Come riporta il sito Ansa in Autunno, molti (ma davvero molti,) siti web (circa il 95% dei siti web italiani) verranno bollati come: Sito Internet non Sicuro.

Questo accade perchè Google stringe sulla sicurezza della navigazione online. Dal 2017 Google infatti marchia i siti web non sicuri se utilizzano una connessione HTTP anziché HTTPS (la S infatti sta per Secure). Con la versione n° 70 del browser, Chrome mostrerà un avviso di colore rosso all’inserimento di informazioni sulle pagine che ancora non avranno abbracciato questo nuovo standard, allertando maggiormente gli utenti sulla poca sicurezza presente sul sito.

schermata del browser Chrome che segnala un sito web come non sicuro

Questo tipo di connessione, NON criptata, è più vulnerabile ad essere intercettata, “spiata” e modificata da malintenzionati, con un attacco che si definisce MITM o MIM, che sta per man in the middle, dove con le dovute astuzie un Hacker può raggirare il visitatore di un sito internet con diverse tecniche e rubare informazioni e dati privati.

La connessione HTTPS invece rende sicura la navigazione online, in quanto i dati trasferiti dal Server (che ospita il sito internet) al Browser Chrome (che lo visualizza) saranno criptati con un livello SSL/TLS, dalla sorgente al destinatario  in maniera end-to-end.

Come sapere se il tuo sito internet è sicuro?

Se vuoi sapere se il tuo sito web usa già una connessione criptata, e quindi trasferisce i dati in maniera sicura è molto semplice da scoprire.
Tutti i browser internet infatti visualizzano accanto all’indirizzo del sito web un  🔒 o un ⚠️ proprio per segnalare tale caratteristica.

esempio di sito che utilizza una connessione HTTP o HTTPS

Come correggere un sito web che ancora no ha una connessione HTTPS?

Per rendere sicuro un sito web utilizzando il protocollo HTTPS basta abilitare la connessione criptata sul proprio sito web, servizio offerto in genere dai provider internet (Aruba, Register, Tophost, etc), ma se il tuo sito non è in grado di gestire correttamente tale funzionalità, sarà solo tempo perso; quindi probabilmente è arrivato il momento di mettere mano al portafogli e valutare un aggiornamento sostanziale del tuo sito web.

Hai bisogno di un aiuto?